Ultima modifica: 27 Gennaio 2020

“Il bullo è bullo e non lo sa”

Il 23 gennaio, nell’aula magna del nostro Istituto, si è tenuto l’incontro sul bullismo e sul cyberbullismo a scuola, che ha visto protagonisti gli alunni delle classi prime e secondeinteragire con i  rappresentanti della Polizia di Stato, la dott.ssa Alfonsina De Sario, dirigente dell’Ufficio Minori della Questura di Foggia, e il dott. Raffaele Mazzarino, ispettore della Polizia Postale. Sin da subito i ragazzi hanno manifestato un vivo interesse per gli argomenti trattati e hanno rivolto domande e chiesto maggiori chiarimenti quando il tema li coinvolgeva particolarmente, come quando il dott. Mazzarino ha affrontato il problema della pericolosità della rete e la superficialità con la quale molti minorenni postano foto e forniscono dati sensibili sui social.

Molto toccante è stata, poi, la lettura di fatti di cronaca realmente accaduti dove alcune giovani vittime di bullismo hanno addirittura tentato il suicidio, tanta era lo loro sofferenza. Ciò che ha colpito i partecipanti è anche la pietà dei due relatori nei confronti dei “bulli”, che molto spesso hanno un vissuto fatto di violenza, rifiuto, degradazione e umiliazione.

L’appello dell’ispettore Mazzarino e della dirigente De Sario agli alunni è stato quello di non essere indifferenti, di denunciare, pure in forma anonima, ciò di cui si è testimoni, perché così facendo non solo si aiutano le vittime ma anche gli stessi bulli, perché nessuno – ha ribadito la dott.ssa De Sario –  nasce “bullo”.

Vista la partecipazione all’incontro anche dei rappresentanti di tutte le istituzioni scolastiche e dell’assessore alla Cultura del Comune di Vieste, dott.ssa  Graziamaria Starace, la nostra dirigente, professoressa Ettorina Tribò ha sottolineato la necessità di fare rete tutti insieme per prevenire atti di violenza e prevaricazione verbale o fisica, per arginare un problema quale quello del bullismo che purtroppo si sta sempre più diffondendo nelle nostre scuole. Ma da soli non si può far nulla, invece, insieme si può.

Condividi:




Link vai su