Ultima modifica: 2 Gennaio 2020

Il nostro Erasmus+ in Turchia per dire NO alla violenza e alla discriminazione

Dall’8 al 14 dicembre sei alunne dell’IPEOA “E. Mattei” di Vieste Ilenia Di Palma, Federica Troia, Gemma Todisco, Rita De Filippis, Chiara De Vita, accompagnate dai professori Valeria Carbone e Vincenzo Romano hanno partecipato al 1° LTTA nell’ambito del progetto Erasmus + “No to Violence and Discrimination” tenutosi a Samsun, in Turchia.

Il gruppo, partito dall’aeroporto di Roma Fiumicino, è arrivato all’aeroporto di Samsun in tarda serata dove, ad  attenderli hanno trovato le  calorosissime famiglie ospitanti.

Il primo giorno dello scambio, dopo l’arrivo a scuola, le allieve hanno potuto approfondire la conoscenza con i ragazzi provenienti dagli altri Paesi aderenti al progetto: Grecia, Romania, Turchia e Polonia. Dopo un breve tour dell’Istituto, tutti gli studenti hanno presentato a turno le proprie scuole, i propri Paesi e le proprie città con le loro maggiori attrazioni.

Dopo pranzo i ragazzi partecipanti, divisi in quattro gruppi formati da sei persone di nazionalità diverse, hanno realizzato un logo e un banner sui temi principali del progetto: violenza e discriminazione.

Non sono mancate, come sempre, visite culturali. In primis, la visita della città di Samsun, centro urbano con una popolazione di circa 2 milioni di abitanti affacciata sulle coste del Mar Nero. Oltre all’immensa Samsun, i partecipanti hanno potuto visitare un altro centro industriale e marittimo importante, Sinop, famoso per la coltivazione di lino e per le cascate di Erfelek che creano uno scenario mozzafiato per gli amanti della natura e per tutti coloro che vogliono godersi uno spettacolo naturale in completa tranquillità.L’ultimo giorno ha visto sfidarsi studenti e insegnanti, in tornei sportivi. In serata, presso l’hotel Janti, ragazzi e docenti hanno preso parte al Farewell party seguito dalla consegna degli attestati di partecipazione.

Un’esperienza culturale e sociale tra studenti di diversi Paesi.

E’ stata per tutti i partecipanti un’esperienza di crescita culturale e sociale tra i ragazzi di diversi Paesi, un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita per misurare le proprie capacità linguistiche e relazionali, divertirsi e stare bene con nuovi amici.

Il team di Samsun

Condividi:




Link vai su